2 menu: risparmia 25 € /
3 menu: risparmia 55 € /
4 menu: risparmia 80 €

Alimentazione sana

Perché i cibi più buoni sono quelli che più fanno male?

Pizza, hamburger, patatine, torte…piatti gustosi che amiamo mangiare, ma sappiamo essere alimenti da assumere poche volte a settimana, oppure con frequenza sporadica.

C’è un motivo dietro a questa attrazione per il cibo poco salutare? Sì, e si pensa sia legato all’evoluzione umana.

Prestando attenzione, gli alimenti che tendiamo ad apprezzare maggiormente sono quelli ricchi in carboidrati o in grassi, ovvero le principali fonti di energia del nostro organismo.

Il cervello di diversi animali risponde all’assunzione di alimenti ricchi di carboidrati e grassi con la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore che provoca una sensazione di appagamento. Questo meccanismo potrebbe avvenire anche nell’uomo, che quindi tenderebbe al consumo di alimenti ipercalorici per ricercare queste sensazioni positive. É ipotesi diffusa che in questo meccanismo sia implicata la pressione evolutiva esercitata sui nostri antenati.

In natura una delle occupazioni più diffuse degli ominidi preistorici era la ricerca del cibo, trovare qualcosa di molto calorico, ricco di carboidrati e grassi, assicurava la sopravvivenza per i giorni successivi. Per questo motivo le preferenze alimentari dei nostri antenati potrebbero essersi evolute per prediligere gli alimenti calorici che, in condizione di scarsità, possono essere la salvezza.

Tuttavia, oggi la situazione è ben diversa. Nel mondo occidentale vi è una tale abbondanza alimentare che potremmo avere sempre a disposizione alimenti ricchi di carboidrati e grassi, il cui consumo eccessivo però porta al rischio di sviluppare numerose malattie (ad esempio il diabete, le malattie cardiovascolari, oppure l’obesità).

Attenzione però, e il consumo eccessivo di qualsiasi alimento può diventare dannoso, non soltanto quello di cibi ricchi di carboidrati e grassi. Non esistono dei veri e propri alimenti da “evitare”, un’alimentazione bilanciata consiste nel mangiare il corretto quantitativo di ogni tipologia alimentare che abbiamo a disposizione.

Tutti i post Scegli il tuo menu
Nutriblog